martedì 10 marzo 2009

Benigni a Sanremo

Sulla performance di Roberto Benigni il Festival scommetteva per garantirsi gli ascolti. Ci sono state polemiche per il suo compenso e anche voci su timori da parte della Rai sui contenuti troppo politici del suo intervento.

A scanso di equivoci Benigni, alla sua terza apparizione al festival di Sanremo, ha esordito così: "Non voglio parlare di cose serie... Berlusconi. Non lo voglio nominare ma mi esce da solo. Sono felice di essere al teatro Ariston, che quando uno ci passa davanti dice 'come vorrei entrarci da protagonista', come dice Berlusconi quando passa davanti al Quirinale. Non faccio battute su Veltroni perché più battuto di così non si può. Possiamo coniare un nuovo slogan per la campagna elettorale, 'rialzati Walter'. La Sardegna non è niente, tanto avremo la maggioranza alle Eolie. Vi dico una cosa, a Berlusconi la Sardegna non interessa, gli interessa la Corsica, lui ha tutti i parenti ad Ajaccio. A proposito di parenti, lui li sistema tutti, ha sistemato pure il medico, il commercialista, l'avvocato, è rimasto solo l'idraulico in lista d'attesa".

Poi, parlando di Mina, ha detto "ormai Mina è come Bin Laden, appare solo con i video. Mina da quando non si è fatta più vedere è diventata un mito. Silvio ti dò un consiglio, fai come Mina o Greta Garbo, non farti più vedere, magari vai lontano, in India o in Nuova Zelanda, insieme ad Apicella, scrivi una canzone e mandi un video, magari canto io".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget