lunedì 1 dicembre 2008

Agrodolce

Agrodolce. Hollywood si trasferisce in Sicilia, o meglio, a Termini Imerese e a Porticello, la nuova fabbrica della fiction "made in Italy". Una nuova sfida ideata e voluta da Giovanni Minoli per far nascere un'industria culturale in grado di produrre serial di alto contenuto, che sappiano comunicare valori, fornire esempi e esercitare cambiamenti.

La soap educational Agrodolce, è un piano ambizioso che, come Un Posto al Sole, prima soap ideata in Italia oltre dodici anni fa da Minoli, parte dal Sud proprio per valorizzare quello che il Sud sa fare. È prodotta da Rai Fiction e Rai Educational in collaborazione con la Regione Sicilia - Dipartimento per i Beni Culturali, realizzata da Einstein Fiction.

Una metropoli del cinema, dunque, con oltre duemila metri quadrati di studi, che punta in Sicilia a costruire un polo d'eccellenza nella realizzazione di fiction di qualità. Creatività e processi industriali fra i più moderni con tecnologie avanzate, questi gli ingredienti che fanno di Agrodolce non solo una fiction di altissimo livello, ma un vero e proprio business model. Non a caso, infatti, è stato scelto Termini Imerese come luogo simbolo di una industrializzazione in crisi, proprio per innescare, con la produzione seriale della fiction, un processo virtuoso di creazione di un centro nel quale tramutare idee e sceneggiature in successi, per spiegare i cambiamenti della realtà, dando spunti di riflessione e dibattito, contribuendo a realizzare una prospettiva di occupazione e sviluppo per una terra "artistica" per vocazione.

E cosa c'è di più Agrodolce della Sicilia? Terra meravigliosa, dove però si mescolano le problematiche sociali ed esistenziali più estreme e terribili, le più contraddittorie. Un romanzo popolare, dunque, fortemente radicato nel territorio siciliano. La scelta di questa regione, infatti, non è casuale: rappresenta una terra di confine e di incontro fra culture e religioni, ponte tra Islam e Occidente, luogo simbolo dove confluisce tutto il Mediterraneo con la sua tradizione. Oltre ad essere un set a cielo aperto.

Il sapore educational di Agrodolce emerge nelle tematiche del confronto interculturale: l'emigrazione, il lavoro, la criminalità, il raffronto di culture e religioni. E in primo piano la scuola che in Agrodolce torna a rappresentare quella istituzione che aiuta gli adolescenti a trovare la propria identità, a non aver paura di scegliere e di vivere.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget