domenica 22 febbraio 2009

Vincitore della cinquantanovesima edizione del Festival di Sanremo


Ieri è stato proclamato il Vincitore della cinquantanovesima edizione del Festival di Sanremo: nella finalissima delle finale ono arrivati :
-Povia, con la discussa “Luca era gay”,
-il “ripescato” Sal Da Vinci con “Non riesco a farti innamorare” e
-Marco Carta di AMici, con “La forza mia”, già indicato dagli scommettitori come super favorito.

Alla fine sia il pubblico che la giuria ha votato Marco Carta come vincitore della Vincitore della cinquantanovesima edizione del Festival di Sanremo. Voi cosa ne pensate?
E' meritata la vittoria di Marco Carta?
E' questa la vera musica italiana di cui ci dobbiamo vantare in tutto il mondo?

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Bah....io non riesco a crederci che abbia vinto un festival così importante un "ragazzino" senza esperienza e senza queste grandi doti a parte la voce un po' sporca...e soprattutto perchè è stato messo in mezzo hai VIP????? Non aveva senso già la sua posizione iniziale....
ma i veri intenditori di musica dove sono finiti???? La musica non è un bel faccino...
chi la pensa come me può anche venire qua:
http://www.facebook.com/group.php?gid=56808936299&ref=ts

Anonimo ha detto...

evidentemente non ha solo un bel faccino ma una grance musicalità ed un timbro incredibile. Se continua a vincere è perché se lo merita.

Anonimo ha detto...

Finalmente.......Bravo Marco hai portato un po' di felicita'e nn serenita' a questo festival

Anonimo ha detto...

giovedì 19 febbraio 2009

Il Male nei dettagli

Il clima “sanremese” ispira qualche riflessione sull’influsso luciferino nel settore dell’intrattenimento.
Il bersaglio primo del disegno satanico sono i bambini ed i giovani perché i più malleabili e ricettivi, quindi terreno d’azione sono le trasmissioni per i più piccini, cartoni animati, e adolescenti, programmi musicali.
E’ risaputo che la Walt Disney pagò 70 milioni di dollari (!) per non affrontare un processo per satanismo (1).
In USA ogni giorno migliaia di omicidi e crimini efferati “avvengono” in televisione il che è di stimolo alla criminalità REALE giù in strada. In America è stata quasi vinta la battaglia contro il fumo di tabacco, ma clamorosamente perse quelle contro il consumo di droga e la violenza in TV.

Molti gruppi musicali di fama, non solo “heavy metal”, sono stati sospettati e dimostrati di avere inserito incitamenti a satana nelle loro produzioni. In particolare messaggi subliminali (2) nel “reverse speech”, “backmasking” (3) ,ma ci sono anche testi insospettabili che sono canzoni di “profondo” amore a LUI, Lucifero, Signore delle Tenebre.
Il “reverse speech” e l’alcolto all’indietro di frase parole registrate “in avanti”. Il “blackmasking” invece è l’incisione al rovescio di parole e frasi registrate normalmente. Questa tecnica salì alla ribalta con l’LP “Revolver” del Beatles del 1966.
Ci sono, inoltre, particolari accordi e scale musicali “tristi” che vengono impiegate per indurre depressione e istigare al suicidio.

Attualmente MTV è uno dei più poderosi strumenti di diffusione di messaggi satanici perché si rivolge principalmente alle sensibili menti dei giovani.
Non vi è praticamente video musicale o programma trasmesso da questa emittente che non contenga fumi malefici, anche espliciti o subliminali.
Tutto il mondo dello spettacolo è marcio.
Rammento con sgomento la deposizione di Gigi Sabani, il presentatore-imitatore romano, che fu coinvolto nello scandalo “merolone”. Testimoniò che le mamme stesse delle ragazzine, aspiranti attricette-troiette, erano le più assillanti nell’infilargli in tasca certi bigliettini. Sui quali stava scritta e firmata da “mammà” l’autorizzazione per la figlia MINORENNE a fare sesso con chiunque pur di ottenere una “spintarella” nello showbiz.

Di seguito un esempio di canzone dal “plateale” contenuto demoniaco che mi è recentemente capitata sott’occhio anzi “sott’orecchio” mentre, guidando, ascoltavo la radio.
L’esegesi dettagliata non è difficile partendo dal tenore particolarmente violento che ci da una prima indicazione.

Bruci la città
e crolli il grattacielo
rimani tu da solo
nudo sul mio letto.

Il titolo andrebbe interpretato come indicativo presente, seconda persona singolare, ”TU bruci la città”. Un’invocazione agli avvenimenti terribili dell’11 settembre grande impresa dei luciferiani. Poi rimani solo tu, o Lucifero.

Bruci la città
o viva nel terrore
nel giro di due ore
svanisca tutto quanto
svanisca tutto il resto.

Prosegue la citazione degli avvenimenti di quel giorno la cui intera sequenza si svolse “nel giro di due ore”.

E tutti quei ragazzi come te
non hanno niente come te
io non posso che ammirare
non posso non gridare.

“Tutti quei ragazzi” sono i luciferiani che “come te” Lucifero, “non hanno niente” cioè “non hanno un Nome”, sono scacciati a professare i loro malefici riti satanici in luoghi segreti come Parsifal fu allontanato dal Paradiso.

che ti stringo sul mio cuore
per proteggerti dal male
che vorrei poter cullare
il tuo dolore il tuo dolore.

Atto di devozione a Lucifero. Manca una virgola nel testo che è stata volutamente omessa per renderlo meno comprensibile ma la si intuisce nel cantato “per proteggerti dal male che vorrei, poter cullare il tuo dolore”. Il dolore del Portatore di Luce per non essere più al cospetto di Dio.

Muoia sotto un tram
più o meno tutto il mondo
esplodano le stelle
esploda tutto questo.

Invocazione dell’Armageddon, la fine del mondo, il Trionfo del Diavolo

Muoia quello che è altro
da noi due almeno per un poco
almeno per errore.

Il riferimento è a coloro che si oppongono al fato del NWO che vengono resi all’impotenza, uccisi in suicidi inscenati, incidenti stradali o aerei, “per errore”.

E tutti quei ragazzi come te
non hanno niente come te
io vorrei darmi da fare
forse essere migliore.

Auspicio di volere essere una luciferina “migliore”.

farti scudo col mio cuore
da catastrofi e paure
io non ho niente da fare
questo è quello che so fare.

Ti proteggerò sempre, o Maligno, e diffonderò la tua opera facendo quello che so fare e che faccio in questo momento, cioè cantare.

Io non posso che adorare
non posso che leccare
questo tuo profondo amore
questo tuo profondo
non posso che adorare
questo tuo profondo.

“Io non posso che adorare”. Coloro che sono indemoniati non riescono a spezzare le catene e non possono che esssere sottomessi, posseduti come bestie (“leccare”) dal Demonio.
Sottomessi al “profondo amore”, “amore” che proviene dagli Inferi. Chi ha orecchio musicale noterà che la parola “profondo” è sottolineata dalla voce. Caratteristico l’uso dei lemmi “profondo” e “profondità” che ne fa il profeta Isaia, quando cita del Principe delle Tenebre.

E che dire del video?
Una volta giunto a casa do una rapida scorsa su Youtube:

http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=7VOFVcmCcQg&feature=related

Nel tatuaggio sul braccio, sulla saracinesca, in bella mostra, il disegno ipnotico di una S (Satana) neanche tanto mimetizzato. Inoltre inquietanti loschi figuri in tenuta “ orgia sado-maso”.
Poi si vedono rappresentata le fiamme dell’inferno e soprattutto, sì anche lui , il più bello e saliente degli angeli che cacciato dal Paradiso, è iconografato in questo video.
La figura femminile, ed altri personaggi, dell’animazione è per altro l’archetipo del invasato: un essere svuotato, dai movimenti robotici, col sorriso sardonico, un simulacro di umanità che di tanto si volge inebetito verso l’alto in cerca di un impossibile varco dalla più cupa disperazione.

Questo episodio d’invocazione “palese” è interessante per due motivi.
Il primo è che ci offre la conferma indiretta che gli avvenimenti dell’11 settembre 2001 furono proprio un “inside job” e non la versione ufficiale dei “terroristi” beduini semianalfabeti, ma bellamente capaci di pilotare un grosso aereo di linea per centinaia di km, per poi centrare con precisione le due torri.
Poichè c’è un particolare.
Se chiedete a un qualsiasi esperto pilota di piccolo velivolo (“cessna”, “piper”) vi dirà di non sentirsi assolutamente in grado di portare un grosso aereo passeggeri se non, qualche d’uno ammetterà, dopo un notevole addestramento.
Ora, ci vogliono fare credere che un branco di extracomunitari con alle spalle POCHE ore di volo su PICCOLI aeroplani furono in grado di dirigere enormi jet con maestria da piloti di caccia.
La Cabala ebraica, la numerologia sono strumenti per comunicare con l’aldilà e certi numeri o combinazioni di essi si ripetono in modo ossessivo ma il la stregoneria è che nessuno se n’è acnota questi dettaglicorto. Per esempio, che dall’11 settembre 2001 ci sono esattamente 11 anni e 101 giorni (o 3 mesi, 11 giorni) (4) dal famoso 21 dicembre 2012, data della fine del calendario Maya.
Il secondo motivo è che i membri di questa fratellanza della dissoluzione ormai si fidano di più a esporsi al pubblico perché il Seduttore è asceso dall’Inferno, è giunto fra di noi.

Negli Stati Uniti in tutte le case vi si trova una Bibbia.
Anche in quasi ogni stanza di albergo e hotel. Persino nei motel a ore con i materassi ad acqua e la tv in camera, perennemente sintonizzata su canali porno, vi si trova il testo sacro in fondo a qualche cassetto.
Tuttavia, alla Casa Bianca, non fu possibile reperire una Bibbia per fare rigiurare Barrack Hussein Obama dopo il “fallimento” (!) del giuramento pubblico in diretta televisiva.
Questo dettaglio cosa vi suggerisce?
Sarebbe intrigante, che dite, se qualche intervistatore chiedesse alla tipastra del video di GIURARE SU UNA BIBBIA (consacrata) di non essere una satanista.
A mio avviso SI RIFIUTEREBBE al modo in cui gli astronauti della Nasa si sono rifiutati di prestare giuramento SULLA BIBBIA di essere andati sulla Luna.

Il consiglio che mi sento di dare è tenere i vostri ragazzi lontano da MTV e dai cartoni animati sospetti IN PARTICOLARE AMERICANI. Lontani da quegli ossessionanti lettori MP3 che centrifugano il cervello senza controllo.
Attenzione alla loro morbosa attrazione per un certo brano musicale o un particolare video.
Perché il Diavolo è nei dettagli.

F. Maurizio Blondet

1 ) http://www.youtube.com/watch?v=vaHpPH5yftU
2 ) http://www.ccsg.it/page2.html
3 ) http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_backmasked_messages
4 ) Ho già scritto di questo. Negli attentati di New York, Madrid, Londra, ad esempio, ricorrono spessissimo i numeri cabalistici 3, 7, 11, 13 e i multipli reciproci o accostati (77, 93).

http://falsoblondet.blogspot.com/

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget